Mercoledì 16 gennaio 2019
-----------------
Proclameremo le tue opere, Signore

appuntamenti

<<  Gennaio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

statistiche

mod_vvisit_counterOggi176
mod_vvisit_counterQuesta settimana2484
mod_vvisit_counterQuesto mese16164
mod_vvisit_counterTotale2925905
Home Filo Diretto Briciole di Pane Adoriamo un lunedì del tutto speciale
Adoriamo un lunedì del tutto speciale PDF Stampa
Filo Diretto - Briciole di pane
Lunedì 04 Luglio 2011 07:58

altPier Giorgio Frassati. L’amore incondizionato per le alte vette, le scorribande domenicali con “lestofanti” e “lestofantesse”, la passione per la marmellata di castagne e le carnevalate al pensionato cattolico: «mangiata di paste tutto gratis persino le paste e il tè oltre l'allegria» (Dalla lettera alla madre e alla sorella, 21 febbraio 1922).
Sono passati ottantasei anni dalla morte di Pier Giorgio Frassati. Per ogni giovane di AC il 4 luglio è un giorno speciale: si ricorda un patrono che ha i tratti dell’amico, si prega un beato che, oltre alla festa, ha santificato il lunedì, il martedì, il mercoledì…
«Tu mi domandi se sono allegro; e come non potrei esserlo?

finché la Fede mi darà forza sempre allegro! ogni cattolico non può non essere allegro: la tristezza dev'essere bandita dagli animi cattolici», scriveva Pier Giorgio alla sorella, quattro mesi prima di morire a 24 anni. Ebbene, è questa è la prima parte della sua eredità. Pier Giorgio ha fermato con l’inchiostro il tratto fondamentale dell’animo di tutti quei giovani che crescono nella fede e nell’amore per la Chiesa all’interno dei gruppi associativi, nelle parrocchie e nelle diocesi. Ha descritto perfettamente la gioia, l’entusiasmo, lo stare in Dio, che guida l’ordinarietà, la quotidianità di un cammino sempre condiviso. Qui si radica la testimonianza vera e lucente di tanti tanti giovanissimi e giovani che ogni giorno si recano a scuola, all’università, al lavoro con Gesù fisso nel cuore.
Pier Giorgio trascorreva ore in preghiera: nelle chiese della sua Torino, andando all’università, nel santuario di Oropa d’estate, quando le vacanze lo portavano a Pollone, col suo lungo rosario da terziario domenicano tra le mani. La preghiera, altra componente della sua eredità, sosteneva costantemente un progetto di vita limpido: diventare ingegnere minerario per affiancare un’umanità dalla vita durissima: i minatori.
E nell’attesa di realizzarsi ogni giorno dai “suoi” poveri, a cui dava tutto ciò che aveva, e anche qualcosa in più. La carità, terzo elemento, come materia prima per un cristiano vero, completo.
Pier Giorgio non ha atteso. Ha capito che ogni momento è quello buono per agire e che per Gesù vale la pena lottare. L’ha fatto ogni singolo giorno della sua breve vita e così l’ha dilatata per sempre. Oggi più che mai ci ricorda che «vivacchiare» davvero non ha senso, che l’esistenza va presa a piene mani e vissuta in pienezza.
Adoriamo questo lunedì, con un pensiero particolare a chi ci veglia da lassù.

di Luca Bortoli, Consigliere Nazionale

 
         

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk