Martedì 12 dicembre 2017
-----------------
Fa' splendere il tuo volto, Signore, e noi saremo salvi

appuntamenti

<<  Dicembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  910
11121314151617
18192021222324
2531

Campo Invernale Gv...
Dal 26.12.2017 al 30.12.2017
GIOVANI

Campo Invernale 17...
Dal 03.01.2018 al 05.01.2018
GIOVANI
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

statistiche

mod_vvisit_counterOggi1715
mod_vvisit_counterQuesta settimana3766
mod_vvisit_counterQuesto mese23952
mod_vvisit_counterTotale2174707
Home Storia dell'AC Verona

storia

1868 / 1915 1915 / 1945 1946 / 1965 1965 / 2014

 


Anni 1868 / 1915

 

1870

Verona: il fratello del Vescovo, Ottavio di Canossa, rinuncia, come segno di protesta contro l’occupazione dello stato pontificio, al seggio parlamentare.

 

1880

Verona: dopo una fase di sperimentazione, nascono il Comitato diocesano ed i comitati parrocchiali dell’Opera dei Congressi.


1883

i comitati (opere parrocchiali, caritative, assistenziali, devozioni, stampa, elezioni amministrative) sono presenti nel 70% delle Parrocchie. Da tali comitati sorgono e si sviluppano nuove realtà:

  • Opere parrocchiali, ivi compresi i circoli della GIOVENTU’CATTOLICA;

  • Nel 1897 viene fondata la Banca Mutua Popolare di Verona;

  • A partire dal 1892 le Casse Rurali (circa un centinaio a fine secolo)e i magazzini cooperativi per acquisti collettivi, il tutto sostenuto dal 1895 dalla Banca Cattolica di Verona

  • Diffusione della buona stampa e giornali:

  • “Riposo domenicale” (1872-77), poi “Verona Fedele”, “Corriere di Verona” (1883-86)
    Dal 1897 “Bollettino delle associazioni cattoliche veronesi”, poi “Il Lavoro” (1901-21), poi, per la separazione tra l’anima della Gioventù Cattolica e quella politica, “Idea Giovanile” ( 1921 – 46) per la prima ed “Il Corriere del Mattino” (1915-26) per la seconda. “Idea Giovanile” diviene poi “Verona Fedele” (1946 - …)

  • Piccole società interparrocchiali di assicurazione di bestiame e contro la grandine

  • Nel 1896 viene fondata la Società Cattolica di Assicurazione a raggio nazionale

  • Unioni del Lavoro ed Unioni Rurali d’impronta sindacale

 

1893

“Verona Fedele”, giornale cattolica, commenta “dal 1868 al 1875 i Circoli della Gioventù Cattolica avevano realizzato un’attività straordinaria. Poi, che cosa sia nato [loro assorbimento nell’Opera dei Congressi] noi non lo vogliamo indagare; ma è certo che si dovettero rinchiudere nel loro guscio e molti oggi si limitano a pubblicare qualche circolare”

 

1900

Bartolomeo Bacilieri succede al Vescovo Canossa e rimane Vescovo di Verona fino alla sua morte (1923)

 

1907

istituita una direzione diocesana presieduta dal conte Ugo Guarienti e da Don Giuseppe Manzini cui fanno capo sia le tre Unioni, sia la Federazione dei circoli della Gioventù Cattolica, presieduta da Braggio e da don Pietro Fritz

 

1908

l’Unione Donne è vigorosamente sostenuta dalla Veronese Elena da Persico, fondatrice dell’istituto secolare delle “Figlie della Regina degli Apostoli”, protagonista in primo piano della stampa, del sindacato, dell’impegno sociale e del movimento femminile in Italia

 

1909

adunata di 10.000 giovani della Gioventù Cattolica Il Vescovo Bacilieri: “base dei nostri circoli sia la soda istruzione cristiana, l’avviamento dei giovani alla vera pietà, alla frequenza dei sacramenti, all’intervento alla predicazione ed alla dottrina cristiana”

 

1910

si svolge in città un grande Congresso Giovanile dell’Azione Cattolica

 

 

Anni 1915 / 1945

 

1919

dopo la guerra la Gioventù Cattolica è solo un ricordo, mentre giovani e meno giovani sono impegnati nell’ambito socio-economico, politico-amministrativo e sindacale

Augusto Benedetti ricorda la rinascita: “una sera del dicembre 1918 Gelmetti, Zanoni ed io si rincasava dal Patronato delle Stimmate [.....]. Tutt’e tre, parlottando, riconoscemmo l’urgente necessità che l’Azione Cattolica riprendesse [….]: Incominciammo a radunarci in una stanza offertaci dagli Stimmatini”, assistiti prima da padre SEGA e poi da don TRIDA

 

1919

il rilancio è celebrato nella Basilica di San Zeno. Umberto Gelmetti anima i 500 giovani convocati per un’ora di adorazione:

per la prima volta sento inneggiare in pubblico alla Gioventù Cattolica, acclamare al Papa ed al Vescovo clamorosamente da centinaia di giovani”

La propaganda raggiunge i centri più lontani con ogni mezzo: treno, bicicletta, gambe

 

1921

questa la situazione della Gioventù Cattolica:

- 4.000 iscritti, 69 circoli;

- don Giuseppe Manzini assistente diocesano;

- il Vescovo Bacilieri detta un NUOVO STATUTO: “pietà, cultura, azione”

- il Vescovo raccomanda l’UNIONE FEMMINILE

- ”Il lavoro” diventa “Idea giovanile”, settimanale della Gioventù Cattolica

- 2.000 giovani veronesi al Convegno nazionale a Roma con 70 bandiere. Così testimonia Augusto Benedetti:
il personale del treno speciale tentò a più riprese di non far proseguire ilo convoglio . Il viaggio durò 24 ore. A Roma fummo sistemati in paglia. Eravamo in 70.000 [….]. Durante il corteo, diretto all’altare della Patria, le guardie regie e la cavalleria ci caricarono selvaggiamente. Ma per le vie di Roma era la prima volta dopo il 1870 che , per merito dell’Azione Cattolica, si riprese a pregare Iddio, ad osannare il Papa, a giurare fedeltà alla Chiesa, a promettere azione e sacrificio per il bene di tutti”

 

1923

Girolamo Cardinale viene nominato vescovo di Verona, vi rimane fino al 1955

18 Dicembre: aggressione fascista al parroco di Ponti sul Mincio

 

1924

17 Gennaio: manganelli, spari e intimidazioni contro un convegno di giovani cattolici di Lavagno
“il fascismo si vanta di aver portato nelle scuole il Crocefisso sulle punte dei manganelli, ma poi lo profana. Finché si ostenta il rispetto a Santa Madre Chiesa per poi perderlo di fronte ai Sommi Pontefici; finché dura questo noi alziamo la voce di protesta. Di fronte a questo monopolio malinteso la nostra anima si ribella, perché la nostra Patria appartiene a tutti” (“Idea Giovanile”, 30 Marzo 1924)

 

1928

A Giugno del 1928 su un totale di 14.906 i soci i giovani sono 6.402, le donne adulte e giovani 7.244, gli uomini 1.260

 

1938

Settimana della Giovane: 17.000 in Arena;

 

 

1939

Tre Giorni “Servite il Signore in letizia”, oltre un decimo della gioventù maschile veronese è di A.C.

 

 

1940-45

Verona: l'AC continua con tenacia la sua vita associativa. Nelle parrocchie ci si incontra, si parla di chi è al fronte. Una miriade le iniziative (come i "Segretariati della carità") per lenire le sofferenze del momento. Verona subisce pesanti bombardamenti. Molti soci di AC partecipano alla Resistenza, sia imbracciando il fucile, sia proteggendo ed aiutando i perseguitati politici

 

1943

10 Settembre: Luigi Piccoli, presidente della GIAC, muore a Montebello Vicentino per opporsi all’occupazione da parte delle forze tedesche, sarà decorato con medaglia d’argento al valor militare

 

1945

Flavio e Gedeone Corrà, di Isola della Scala, muoiono, a 28 e 25 anni, nel campo di sterminio di Flossenburg dove sono gli internati politici numero KZ 234565 e KZ 234566. Responsabili di AC, chiamati alle armi dopo l’8 Settembre ’43 disertano, si uniscono alla resistenza, sono arrestati. Sempre testimoni della fede e della verità.

 

 

Anni 1946 / 1965

 

1946

Verona: il cattolico Uberti è il primo prefetto nel dopoguerra e viene eletto alla Costituente. Un altro veronese, Guido Gonella, collabora a Roma con De Gasperi nella Democrazia Cristiana.

 

1947

si organizza una “TRE SERE” nella bassa veronese per Gazzo, Pradelle, San Pietro in Vale e Bonferraro, ma a Gazzo e San Pietro ai dirigenti venuti da Verona (Benedetti, Picotti, Sorio e Pretto) i comunisti impediscono di parlare. La giunta decide allora di celebrare proprio a Gazzo l’80° della GIAC.

Anche l’AC veronese è di fatto impegnata in politica, sia indirettamente con la sua attività svolta a d affiancare la DC, sia direttamente attraverso la scelta di una classe dirigente che potesse offrire garanzie di ordine morale. Dove l’AC è ben organizzata si vincono anche i confronti elettorali amministrativi

 

1948

poco prima delle elezioni politiche tremila giovani veronesi raggiungono Gazzo per l’80° della GIAC, dove tiene il discorso il presidente diocesano Luigi Pretto.

Dopo le elezioni i veronesi partecipano, con sacrificio di soldi e di disagi, viaggio in camion e alloggi di fortuna, ai raduni della GF e della GIAC a Roma

 

1953

presenza nel 90% delle parrocchie:

Gruppi parrocchiali: 305 GF, 293 GIAC, 239 Unione Donne, 230 Unione Uomini.

Movimenti attivi: universitari, laureati, maestri,

Altre opere di settore: circoli Maria Cristina, Associazione infermiere professionali, assistenti sanitarie e visitatrici infanzia, Unione cattolica italiana ostetriche, CSI e FARI per le attività sportive, Gioventù italiana operaia cristiana e Gioventù studentesca. I tesserati toccano quota 73.000, è la massima espansione dell’AC Veronese

 

1955

Giovanni Urbani viene nominato vescovo di Verona. Fino ad allora era assistente generale dell’AC: “a Verona un Vescovo specialista in Azione Cattolica!” ricordano le cronache

 

1956

Giorgio Zanotto, ex presidente diocesano della FUCI diviene sindaco di Verona succedendo a Giovanni Uberti

 

1961

l’AC di Verona inizia la pubblicazione di “Azione Unitaria”, una rivista dedicata ai dirigenti locali dell’associazione, nella quale vengono pubblicati gli itinerari dei vari rami dell’associazione (GF, GIAC, Unione Donne, Unione Uomini, Fanciulli, Laureati, …), come risposta ad una accresciuta esigenza di costruire una mentalità associativa unitaria.

La sfida di questi anni è la ricerca di nuovi modi di trasmettere la fede, più adeguati ai mutati contesti sociali.

 

Dal 1964 al 1970 il presidente della Giunta Diocesana dell’AC di Verona è Gianni Recchi

 

 

Anni 1965 / 2008

 

L’AC veronese è impegnata nell’approfondimento di quanto emerso dal concilio: lo studio delle costituzioni conciliari, il rinnovamento della catechesi, il rinnovamento della liturgia, l’apostolato dei laici. La 4 GIORNI di Boscochisesanuova del 1967 ha per tema “Pastorale – Catechesi – Azione Cattolica”.

 

1970

è presidente Felice Ferrarese

anche a Verona nasce l’ACR

 

1973

è presidente Tito Brunelli che verrà confermato per il successivo triennio nel 1977

 

1978

Giuseppe Amari nominato Vescovo, vi rimane fino al 1992

 

1980

è presidente Rino Cona

 

1983

è presidente Giuseppe Bellavite

 

1986

è presidente Renato Perlini che verrà confermato per il successivo triennio nel 1989

 

1992

Attilio Nicora nominato vescovo, vi rimane fino al 1997

è Presidente Mauro Pavoni

 

1993

L’AC è presente al Convegno “Beati Costruttori di Pace” in Piazza Bra

 

1994

Festa dei giovani di AC del triveneto al palazzetto dello Sport di Verona

 

1995

è presidente Marco Dal Forno che sarà confermato per il successivo triennio nel 1998

 

1998

Flavio Roberto Carraro nominato Vescovo, vi rimane fino al 2007

 

2001

è presidente Andrea Costa che sarà confermato per il successivo triennio nel 2005

 

2002

Il Vescovo Flavio Roberto Carraro annuncia la convocazione del Sinodo Diocesano che si conclude nel 2005 consegnando alla Chiesa Veronese il “Libro Sinodale” che traccia, al termine dei lavori di un’assemblea di oltre 300 “sinodali”, le linee per la pastorale della diocesi. Circa il 20% di loro erano e alcuni lo sono tutt’ora nella famiglia di AC

 

2006

Maggio: si svolge a Verona il Convegno Nazionale dell’Azione Cattolica in preparazione del Convegno Ecclesiale;

Ottobre: si svolge a Verona il Convegno Ecclesiale Nazionale "Testimoni di Gesù risorto, speranza nel mondo", il 65% dei delegati nazionali viene dall’Azione Cattolica

 

2007

Giuseppe Zenti nominato Vescovo

 

2008

è presidente Roberto Marrella che sarà confermato per il successivo triennio fino al 2013

 

2013

a ottobre in Arena si svolge la "Festa della Fede". Manifestazione di 2gg in cui si riaffermano le radici cristiane della nostra città. Sabato 12 nella veglia con il Vescovo Zenti sono presenti 6.000 giovani di tutta la provincia. Domenica 13 la Santa Messa è partecipata da circa 10.500 persone. All'Azione Cattolica viene chiesto di portare la teca con le relique di San Zeno.

a novembre viene nominato presidente diocesano Claudio Bolcato